RADICI DI GENZIANA

 

All’origine di tutto c’è una radice.

Vero e proprio tesoro delle montagne, con la radice di genziana si prepara il liquore che ogni abruzzese custodisce in casa.

È questa parte della pianta che contiene, infatti, sostanze amare ma benefiche, in particolar modo per la digestione.

Raccolte sopra i 1500 mt, le radici vengono fatte essiccare naturalmente all’aperto, dopo essere state spazzolate dai residui di terra: dopo l’essicazione sono pronte per essere consumate.

Le radici di genziana Quintessenza sono provenienti da coltivazioni controllate.

Questo per proteggere una pianta che è a rischio di estinzione e per garantire il rispetto dell’ecosistema montano.

La ricetta tradizionale per la preparazione del liquore è semplice ma richiede ingredienti di prima qualità.

Le radici di genziana vanno messe a macerare per quaranta giorni nel vino bianco.

Essenziale la qualità del vino: meglio che sia secco, privo di aromi e giovane.

Dopo il periodo di macerazione, le radici vengono estratte e all’infusione si aggiungono zucchero e alcol.

È finalmente pronto, così, un ottimo liquore casalingo, preparato secondo la ricetta tradizionale abruzzese.

 

    Curiosità

“Senza una radice
niente può congiungersi col cielo
Senza una radice
non c’è pianta non c’è fiore non c’è
Senza una radice
non c’è terra noi dove andremo
Senza una radice
niente può congiungersi con te.”

Per informazioni e acquisti:

    Acquista altri prodotti